Senza categoria

Master di primo livello promossi per il 2011/12 dall’Università degli Studi

Il primo numero di Notes che pubblichiamo alla ripresa dell’attività dopo la pausa estiva, riporta il parere sulle nuove Indicazioni nazionali per la scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, espresso dal Consiglio nazionale della pubblica istruzione (CNPI) nell’adunanza del 25 luglio scorso. Il CNPI, seppure con alcuni suggerimenti e sollecitazioni, ha valutato positivamente il percorso che ha portato a redigere il nuovo testo e la modalità prescelta di coinvolgere le scuole e i soggetti qualificati nella sua stesura definitiva. In particolare, ha sottolineato l’importanza del percorso scolastico 3-14, del sostegno alla progettualità della scuola autonoma e del monitoraggio sull’applicazione delle Indicazioni. Inoltre, il CNPI ha evidenziato l’esigenza di non considerare chiuso il processo con la prescritta pubblicazione del testo e di prevedere un “serio e qualificato processo di osservazione delle modalità di recepimento e interpretazione delle Indicazioni nelle scuole” nonché “una costante ‘manutenzione’, impegnandosi fin da ora a intervenire su singoli aspetti del testo qualora ne emergesse l’esigenza” e ha invitato a “prevedere un piano di formazione, finalizzato a costruire consapevolezze, a garantire informazione completa e approfondita, a stimolare processi di innovazione, a supportare la ricerca azione”. Pubblichiamo il testo del parere del CNPI per consentire a tutta la rete dei responsabili associativi di conoscerlo, diffonderlo tra i colleghi e farne oggetto di riflessione e condivisione a scuola e in Associazione.

 

Nelle pagine che seguono è riportata la sintesi generale degli esiti del monitoraggio delle scuole (DPR 89/2009, art. 1), che ha preceduto la stesura delle ultime Indicazioni per la scuola dell’infanzia e il primo ciclo d’istruzione. Una “fotografia” dell’esistente che restituisce aspetti significativi della quotidianità delle istituzioni scolastiche che, in regime di autonomia, è quanto mai essenziale non perdere di vista per mantenere il “polso della situazione”. L’Aimc è consapevole che è su questo “terreno” che s’innesta il percorso innovativo delle nuove Indicazioni, ed è fondamentale tenerne conto per progettare future azioni di accompagnamento e sostegno alle scuole.